Clicca qui per guardare nuovo il numero di Oplà

La scuola che vorrei

Lavori di gruppo, responsabilità condivisa, empatia, per riscattare i bambini dalla noia e da metodi d’insegnamento spesso polverosi.

SponsorizzatoL’Istituto IBI

Di: Laura Bercioux

Evviva la scuola! Oplà ne ha visitata una in particolare, una vera e propria eccellenza a Palermo, l’Istituto IBI che ha 35 anni di attività alle spalle. Una continuità che ha il suo significato nel mondo dell’istruzione scolastica. Abbiamo incontrato la Direttrice Luisa Palermo “Comprende il nido, l’infanzia e la primaria, l’IBI è una scuola paritaria a tempo pieno. Apriamo alle 7:30 del mattino. Ci appoggiamo alle moderne tecnologie, con l’utilizzo delle “smart board”, le lavagne interattive. Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia adottiamo la didattica dei progetti educativi per favorire maggiormente la personalizzazione degli apprendimenti. La particolarità del nostro istituto, è rappresentata dalle classi omogenee, divise per età, dall’asilo nido fino ad arrivare alla primaria. Rivolgiamo particolare attenzione all’ insegnamento bilingue, spagnolo e inglese, già dall’asilo nido, con insegnanti di madrelingua. Per l’inglese utilizziamo un corso strutturato per l’apprendimento in collaborazione con la scuola Helen Doron. Da quest’anno un nuovo progetto, “Apprendere in movimento” una nuova disciplina , dove i bambini aumenteranno il loro livello di attenzione, divertendosi e facendo attività fisica . Progetto che nasce dopo avere riscontrato, quanto lo sport aiuti l’apprendimento di tutti i bambini e sia una risorsa fondamentale per quelli che presentano deficit di apprendimento e attenzione. L’attività rientra nelle ore curriculari in palestra con insegnanti specializzati. L’insegnante prevalente, regge la programmazione didattica con l’ausilio di altre figure professionali: i due insegnanti di lingua, di educazione musicale, di attività motoria e di religione. Non tralasciamo nulla, per una scuola sicura, all’istituto IBI sono state installate le telecamere di sicurezza”

Come siete organizzati per gli alunni con problemi di disabilità?

“Abbiamo abbattuto le barriere architettoniche, l’ascensore, gli scivoli e in particolari casi le insegnanti di sostegno, che collaborano con le pedagogiste e le insegnanti.

Veniamo ai genitori? Mestiere non sempre facile: che tipo di supporto offrite?

“L’Istituto offre la consulenza psicologica, per sostenerli nel difficile “mestiere di genitori”. “Mamma stasera esco” è un’iniziativa pensata appositamente per concedere ai genitori un piccolo momento di svago , prevedendo l’apertura serale dalle 19.30 alle 23.30. Altra chicca della scuola è “Studia con noi” dove gli studenti provenienti da altri istituti pranzano e studiano con il supporto di professori. Spazi dedicati ai bambini ampi e luminosi: la palestra attrezzata, il parco giochi all’aperto. Nei progetti ministeriali, la Scuola IBI prevede l’inserimento di numerose attività curricolari attraverso i laboratori: informatica, scienze, arte, teatro, musica nonché l’attivazione di discipline sportive: danza, nuoto, basket, pallavolo, tennis, equitazione e scuola calcio. Visite culturali, passeggiate ecologiche e lezioni al Bosco di Tommy”, completano il nostro progetto educativo. Non manca l’attività sportiva dedicata ai genitori, IBIpuntoFIT, uno spazio di allenamento polifunzionale, diretta da personal trainer qualificati.

SCUOLA IBI

Via Littore Ragusa, 15,  90144, Palermo

www.scuolaibi.it

Log In

Inserisci il nome utente o l'email

Social

Altre storie
My Online Party